Flambando Cantando

Gara tra canti e piatti flambé all'Alberghiero di Pescara

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 07/02/2020 in Arte e Cultura da maria luisa abate
Condividi su:
maria luisa abate

Seconda edizione della gara Flambando Cantando che l’Istituto Alberghiero di Pescara ha promosso insieme all’Accademia Crossover del tenore Piero Mazzocchetti.

Coniugare canto e pietanze può sembrare strano, ma l’arte del canto ben si sposa con l’arte della cucina ed in particolare con quella immediata fatta in sala con l’uso della fiamma.

La gara ha visto ragazzi della scuola che si sono esibiti con canzoni italiane e in lingua inglese. Questi gli studenti che si sono esibiti: Alexia Lanesi, Adriana Wilkiel, Vittoria Fabbiano, Simone Forcella, Ilaria Rastelli e Sharon Manzi Lorenzo Di Giovanni Amy Lanesi Marica Verzulli.

Per la preparazione Flambando, cioè la preparazione del piatto flambé che ha come ingredienti frutta e liquori, con la cottura sul posto e la fiammata finale che spegne il grado alcolico e stupisce gli ospiti, si sono esibiti tre squadre: la prima composta da Giulia Benedetti, Maria Desiderio e Marina De Angelis della classe quarta Sezione C indirizzo Sala, con il professor Vincenzo Gambino, con il piatto ‘Poker di Frutta’; la seconda composta da Sara Terreri, Carlo Francesco Fella e Beatrice Rinonapoli della classe quarta, Sezione B indirizzo Sala e Vendita, con il docente Pino Conte, con il piatto ‘Cupidù, la terza composta dagli studenti Federica Epifano, John Ayala e Marco Ruggieri, della classe quarta Sezione A indirizzo Sala e Vendita, con il professore Pino Conte, con il piatto ‘Cremoso esotico con biscotto morbido speziato su guazzetto di frutta.

A presentare la seconda edizione del concorso la Dirigente scolastica Alessandra Di Pietro che ha salutato i tanti ospiti presenti e la giuria e che ha dichiarato:

“La continua voglia di sperimentare caratterizza da sempre il nostro Istituto che ha come denominatore il desiderio di proporre sempre nuove esperienze ed esperimenti in cucina e in altri campi che possono sembrare scollegati, ma che sono legati dalla fantasia e della cultura di ciò che si sta proponendo.

I nuovi esperimenti hanno come obiettivo la possibilità di nuove collaborazioni con il mondo del lavoro fuori dalla scuola e quindi nuove occasioni di lavoro per i nostri ragazzi. Quando cucina e canto si incontrano una musica virtuosa impreziosisce la nostra scuola, creando un’armonia che riesce con semplicità ad entusiasmare e ad emozionare studenti, docenti, ospiti lasciando un segno importante nella vita e nei ricordi. C’è una sicura affinità tra musica e cibo perché entrambi hanno la capacità di mescolare note ed ingredienti dando vita ad una sinfonia di suoni e di sapori. La cucina è cultura, è arte. Non è sufficiente mettere insieme vari ingredienti per fare un buon piatto, né mettere insieme le varie note per fare un bel componimento. Serve sempre l’armonia per avere un successo nell’uno e nell’altro campo. Con il concorso abbiamo voluto valorizzare la capacità di mettersi in gara dei nostri allievi con la esibizione del canto e la cucina flambé che è la cucina emozionale per eccellenza”.

Vincitori, per la sezione canto: Lorenzo Di Giovanni della classe seconda, sezione F con la canzone di Battiato La cura; al secondo posto Amy Lanesi, classe terza, sezione F; terzo posto per Marica Verzulli, classificati ex aequo al quarto posto: Alexia Lanesi, Adriana Wilkiel, Vittoria Fabbiano, Simone Forcella, Ilaria Rastelli e Sharon Manzi.

Vincitori per la sezione Flambé: al primo posto la squadra composta dagli studenti Federica Epifano, John Ayala e Marco Ruggieri, della classe quarta Sezione A indirizzo Sala e Vendita, con il professore Pino Conte, con il piatto ‘Cremoso esotico con biscotto morbido speziato su guazzetto di frutta’; pari merito le altre due squadre, la prima composta da Giulia Benedetti, Maria Desiderio e Marina De Angelis della classe quarta Sezione C indirizzo Sala, con il professor Vincenzo Gambino, con il piatto ‘Poker di Frutta’; la seconda composta da Sara Terreri, Carlo Francesco Fella e Beatrice Rinonapoli della classe quarta, Sezione B indirizzo Sala e Vendita, con il docente Pino Conte, con il piatto ‘Cupidù’.

La giuria che ha valutato i novelli cantanti e i piatti flambé è, per questa seconda edizione, stata composta dal tenore Piero Mazzocchetti nella veste d Presidente, e dalla Dirigente Alessandra Di Pietro, da Antonio Di Giosafat, da Mariusz Szymanski medico e baritono per passione, da Antonello Persico chirurgo pediatra e anche cantante, da Alvaro Fantini, Presidente dell’Associazione Maître Italiani AMIRA e da Yuri Naccarella.

Presenti all’evento per l’USP Daniela Puglisi e Rossella Mosca, per il Comune di Pescara l'assessore alla Cultura Maria Rita Paoni Saccone e l'assessore alle Politiche Sociali Adelchi Sulpizio, il Presidente Lions Pescara Host Enrico Bruno, la segretaria Fidapa Pescara Maria Luisa Abate, la presidente ANCRI, Annamaria Di Rita il direttore Saral Fiere Gianluca Cianflone.

Il Tenore Piero Mazzocchetti ha voluto donare ai presenti una sua esibizione cantando “I migliori anni della nostra vita” molto apprezzata e applaudita.

La direzione artistica dell’evento il docente e Maestro di musica Gianfranco Onesti.

Ha presentato l’evento, con il brio e la competenza che lo contraddistinguono, Antonio Di Giosafat.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password