MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA

Spettacolo tratto dall’omonimo libro di Concita De Gregorio

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 22/11/2019 in Arte e Cultura da Nicoletta Chiorri
Condividi su:
Nicoletta Chiorri

MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA

Spettacolo tratto dall’omonimo libro di Concita De Gregorio

 

Progetto di Giorgio Barberio Corsetti e Gaia Saitta

Adattamento teatrale Gaia Saitta

Regia Giorgio Barberio Corsetti

Con Gaia Saitta

 

Scene Giuliana Rienzi

Video Francesca Corso

Luci Marco Giusti

Suono Tom Daniels

Costumi Frédérick Denis

 

Staff

Paolo Monaci Freguglia

Alessia Moro

Stefania Capitani

Francesca Saracino

 

Una Produzione di Fattore K.

In collaborazione con Collectif If Human

Lo spettacolo è parte del progetto EU Collective Plays! Project co-funded by the Creative Europe Programme of the European Union

 

Dal 27 Novembre all’8 Dicembre 2019

ore 21,00

Domenica 1 Dicembre e Domenica 8 Dicembre

ore 17,45

   Lunedi 2 Dicembre

giorno di pausa

Teatro Basilica

Piazza di Porta S. Giovanni, 10 - 00185 Roma

 

Dimenticare, ricordare.

Etimo, radice: mente, cuore.

Se dimentichi allontani dalla mente. Se ricordi riporti al cuore.

La storia di Irina Lucidi è tristemente nota alla cronaca. Irina è una donna alla quale un giorno sono sottratte dal marito le due figlie gemelle di sei anni. L'uomo si uccide e le bambine non saranno mai più ritrovate.

Cinque anni dopo la tragedia, Irina decide di raccontare la sua storia alla giornalista e scrittrice Concita De Gregorio. Dalla toccante testimonianza nasce Mi sa che fuori è primavera, libro denso e delicato della De Gregorio.

Di fronte alla perdita delle figlie, in un perenne stato di assedio come lo definisce lei stessa, Irina racconta come si ritrovi a sopravvivere alla sua vita di dopo, senza cedere alla

tentazione di sparire lei stessa.

"Io sono viva. Il dolore da solo non uccide.

C'è bisogno di essere felici per tenere testa a questo dolore inconcepibile.

C'è bisogno di paura per avere coraggio."

"Ho pensato di aver amato molto e che non avrei amato mai più. Mi sbagliavo."

La resistenza di Irina è un atto di amore.

Ci troviamo di fronte ad un superbo ritratto di una donna dei nostri giorni che, di fronte ad un'esperienza che porta i tratti antichi della tragedia greca, riesce a ricucire i pezzi della sua vita e di se stessa.

Gaia Saitta e Giorgio Barberio Corsetti propongono la versione teatrale e partecipativa del libro che, dopo la tournée all'estero, torna in scena a Roma, dal 27 novembre all’8 dicembre, presso il Teatro Basilica, il suggestivo spazio di arte e cultura nel cuore della Capitale.

In scena, la nostra Irina - interpretata da Gaia - ritrova tra il pubblico i personaggi principali della storia della sua vita. Indagine in diretta e poesia intima avanzano in parallelo, con la complicità del pubblico che diventa protagonista della rappresentazione.

Il libro MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA di Concita De Gregorio è edito da FELTRINELLI.

 

Costo biglietti:

Intero  15 euro

Ridotto 12 euro

Studenti 7 euro

 

INFO E PRENOTAZIONI:

mobile: 392 9768519 (ore ufficio)

email: info@teatrobasilica.com

sito web: www.fattorek.net - https://teatrobasilica.com/

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password