Bernard Stiegler e la società automatica

In occasione dell’uscita del volume di Bernard Stiegler La Società automatica, Meltemi, 2019

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 02/10/2019 in Arte e Cultura da Angelo Antonucci
Condividi su:
Angelo Antonucci

(Angelo Antonucci) L’automazione integrata è il risultato principale di quella che viene chiamata «l’economia dei dati». Organizzando processi di feedback alla velocità della luce (attraverso i social network,oggetti comunicanti, chip RFID, sensori, azionatori, calcoli intensivi su dati di massa chiamati big data, smart city e robot di ogni tipo) tra consumo, marketing, produzione, logistica e distribuzione, la reticolazione generalizzata implica un drastico declino dell’occupazione in tutti i settori - dagli avvocati agli autisti, dai medici ai magazzinieri - e in tutti i paesi.

L’automazione completa e diffusa fu largamente anticipata - in particolare da Karl Marx nel 1857, da John Maynard Keynes nel 1930, da Norbert Wiener e Georges Friedmann nel 1950, e da Georges Elgozy nel 1967. Tutti questi pensatori vi vedevano la necessità di un cambiamento economico, politico e culturale radicale. È giunto il momento di questo cambiamento.
 

Di tali argomenti dibatteranno a Villa Medici lunedì 7 ottobre, ore 19:00, il giornalista de "Il Manifesto" Marco Liberatore e il filosofo Bernard Stiegler, autore del saggio La Società automatica (Meltemi, 2019), che verrà presentato ed illustrato durante l'incontro.

L'iniziativa rientra nel ciclo di incontri "omaggio a Leonardo" MONDO MACCHINA E MONDO VIVENTE, organizzati da Ambasciata di Francia in Italia e Institut français Italia.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza