Addio Paolo Poli, Mister sorriso

L'artista si è spento oggi a Roma

pubblicato il 25/03/2016 in Arte e Cultura da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Il mondo della Cultura italiana piange un suo grande interprete, il cui sorriso e le interpretazioni sono diventate un pilastro: oggi nella capitale, dopo una lunga malattia è morto Paolo Poli.

Nato nel 1929 a Firenze, città che ha visto la sua ultima apparizione pubblica in occasione della riapertura del teatro Niccolini, sua casa natale artistica, Paolo Poli ha fatto dell'ironia, il sorriso e il travestimento i suoi cavalli di battaglia, attraverso una lunghissima carriera passata in teatro, come per il Cinema, la Radio e la Televisione, dove ha spaziato dallo sceneggiato fino alle fiabe per bambini.

Elegante, colto, ma anche pungente e senza peli sulla lingua,  Poli si consegna alla storia come attore d'avanguardia a tutto tondo e uomo di valore, che non ha mai rinunciato alla sua libertà, di parola come di pensiero.

Il suo sorriso, pulito eppure beffardo, rimane a simbolo per l'Arte e la Cultura italiana, che oggi come non mai devono trarre da esso la forza di essere motore per il paese: un giorno, interrogato sulla scarsa partecipazione degli italiani al panorama di iniziative culturali disse:


Questa non è certo una novità di oggi: ricordo il successo di Mussolini, e quanti applausi ho sentito per Hitler. Io stesso ero qui a Firenze nel 1938 con una bandierina, per accogliere l'orribile tiranno. La gente lo adora, il tiranno.

 

Addio, Mister sorriso.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password