Avviata la protezione sociale generale ai dipendenti autonomi e privati in Marocco

Il cantiere di Re Mohammed VI che andrà a vantaggio degli agricoltori, artigiani, commercianti, professionisti e prestatori indipendenti, dovrà estendersi alla protezione sociale di tutti i cittadini.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 14/04/2021 in Ambiente ed Agricoltura da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Il Re Mohammed VI

In applicazione degli orientamenti del Re Mohammed VI contenuti negli ultimi messaggi del Trono dello scorso luglio e in occasione dell’apertura dell’anno legislativo 2020, relativi all’avvio di un grande cantiere di riforma per la generalizzazione della protezione sociale a beneficio di ampie fasce di cittadini, il Sovrano del Marocco ha presieduto mercoledì nel Palazzo Reale di Fez la cerimonia di avvio dell’attuazione del progetto di generalizzazione della protezione sociale e di firma delle prime relative convenzioni. 

Questo cantiere Reale, che in un primo tempo andrà a vantaggio degli agricoltori, artigiani, commercianti, professionisti e dei prestatori indipendenti soggetti al regime di contributo professionale unico (CPU), al regime dell'autoimprenditore o al regime contabile, dovrà estendersi, in un secondo tempo, ad altre categorie nella prospettiva dell'effettiva generalizzazione della protezione sociale a tutti i cittadini. 

La cerimonia si è svolta in presenza del capo di governo, presidenti della Camera dei rappresentanti e della Camera dei consiglieri, consiglieri di Re, nonché dei rappresentanti dei sindacati.

In tale occasione il Re ha presieduto la firma di tre convenzioni quadro sulla generalizzazione dell’assicurazione malattie obbligatoria di base a favore della categoria dei professionisti e dei lavoratori autonomi e non salariati che esercitano un’attività privata. 

La prima convenzione quadro riguarda la generalizzazione dell’assicurazione malattia obbligatoria di base a favore di commercianti, artigiani, professionisti e prestatori indipendenti soggetti al regime di contributo professionale unico, al regime dell’autoimprenditore o al regime della contabilità, che riguarda più di 800mila aderenti.

La seconda convenzione quadro riguarda la generalizzazione dell’assicurazione malattie obbligatoria di base a favore degli artigiani e professionali dell’artigianato (circa 500mila aderenti). 

La terza convenzione quadro riguarda l’assicurazione obbligatoria di base a favore degli agricoltori (circa 1,6 milioni di aderenti). 

 

22 milioni di beneficiari supplementari nel 2021 e 2022

 

Il ministro dell'economia e delle  finanze Mohamed Benchaaboun ha spiegato che circa 3 milioni di aderenti, commercianti, prestatori di servizi indipendenti artigiani e agricoltori, oltre alle loro famiglie, beneficeranno dell’assicurazione obbligatoria di base, ossia un numero totale di beneficiari di circa 9 milioni di cittadini, che rappresenta circa l’83 per cento delle persone interessate delle categorie di professionisti, lavoratori che esercitano un’attività privata.

Benchaaboun ha sottolineato che nelle prossime settimane saranno firmati gli accordi relativi alle categorie rimanenti, in particolare i professionisti dei trasporti e i professionisti indipendenti (ingegneri, medici, avvocati, ecc.). "Così, nel 2021, 11 milioni di cittadini indipendenti e le loro famiglie beneficeranno dell’assicurazione sanitaria obbligatoria di base", ha affermato, sottolineando che tutte le misure saranno prese anche per consentire agli 11 milioni di cittadini poveri e fragili attualmente coinvolti nel sistema di assistenza medica RAMED di iniziare a beneficiare dell’assicurazione malattia obbligatoria di base a partire dal 2022. 

Le convenzioni sono state firmate dai ministri dell’Interno; dell’economia, delle finanze e della riforma dell’amministrazione; sanità; dell’industria, commercio e dell’economia verde e digitale;  turismo, artigianato, del trasporto aereo e dell’economia sociale; agricoltura, pesca marittima ministro del lavoro e dell’inserimento professionale; Confederazione generale delle imprese del Marocco (CGEM); Federazione delle Camere di commercio, industria e dei servizi, e della Federazione delle Camere di artigianato e quella di agricoltura. 

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password