Everest, la missione per ripulire il tetto del mondo: rimossi 3 quintali di spazzatura, localizzati i resti di 4 alpinisti morti

Una squadra di 14 scalatori ha lavorato per 45 giorni per ripulire la cima della montagna più alta del mondo

pubblicato il 03/05/2019 in Ambiente ed Agricoltura da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

Una montagna di rifiuti. Nel corso degli anni l'Everest (la vetta più alta del mondo) si è trasformata in una vera e propria discarica a cielo aperto non più sostenibile.

E così un gruppo di 14 volontari ha portato a termine una missione durata ben 45 giorni, riuscendo a rimuovere oltre 3 tonnellate di spazzatura.

Non solo lattine, bottiglie, plastica, attrezzature da alpinismo e perfino escrementi umani, la complessa missione ha permesso di geolocalizzare i corpi di 4 alpinisti morti sui ghiacci del tetto del mondo.

Dal 1922, sono oltre 200, gli uomini che hanno cercato di scalare gli 8.848 metri che portano sulla cima dell'Everest.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza