Ecco l'App Sardegna Turismo: "Rivoluzione digitale per la crescita dell'economia isolana"

Assessore Chessa: "È un punto di partenza, non ci fermiamo qui"

pubblicato il 09/12/2020 in Alla scoperta della Sardegna da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

"Il mio risultato che aiuterà la Sardegna è condiviso e partecipato da tanta gente, per cui ringrazio tutti. Questo sogno digitale nasce da un'esperienza naturale: si legge sempre meno il  cartaceo, tutti oggi usano un telefonino o un tablet. La politica deve percepire questi cambiamenti". Così l'Assessore al Turismo della Regione Sardegna Gianni Chessa, in occasione della conferenza stampa virtuale di presentazione della App Sardegna Turismo, alla quale hanno partecipato Anna Mazzone (Tg2), Andrea Pugliese (Esperto di marketing territoriale), Elsa Pascalis (Comunicatrice settore turismo), Giacomo Cao (Amministratore Unico Crs4), Nicola Grauso (fondatore di Videon line).

L'economia isolana passa dal turismo

"Il Covid non ci ha messo ko. L'economia della Sardegna passa dal turismo, ne sono convinto, abbiamo preso un assessorato che valeva poco e l'abbiamo cambiato. Dobbiamo perseguire questo tipo di economia. Prendiamo il vecchio, non lo buttiamo, e lo valorizziamo. Bisogna puntare sul digitale, la comunicazione è talmente veloce che passa dal social web. In questo periodo più che mai. Abbiamo percepito 150 miliardi sulla tecnologica digitale e noi ne abbiamo catturato una fetta. L'app è un punto di partenza, deve essere aperta, speriamo sia attiva per gennaio. Vedremo anche di migliorare questo strumento, non dobbiamo fermarci qui". 

Rivoluzione

"Sta nascendo la rivoluzione che avevo promesso. Metto in campo le idee in maniera partecipata e condivisa. Questo è il vero successo, stare con i piedi per terra e chiedere a chi ne sa di più, mettendo in piedi tutte le forze, soprattutto sarde. Investo molto nelle fiere, sono una bellezza, ed è grazie agli accordi fatti con le camere di commercio locali. Sto rivoluzionando la Sardegna e l'assessorato con i sardi. Voglio lasciare i soldi in questa terra. Noi siamo gli ultimi, ma potremmo essere i primi a imitare bene. Sarà una bellissima app, da utente sto mettendo ciò in cui credo. Una volta presi dei ragazzi qualunque e li misi davanti a dei computer, e questi ci diedero i primi suggerimenti per iniziare. Questa avventura è iniziata mettendo insieme le persone comuni. I tempi stanno cambiando e noi dobbiamo adeguarci al sistema".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password